Famiglia

In Senegal, un Paese con una popolazione che supera i dodici milioni di abitanti e in cui il 70% della popolazione ha meno di 29 anni, la famiglia rappresenta la base della società. Essa è costituita da un nucleo famigliare allargato composto da numerose persone imparentate fra loro: il marito, una o più mogli, i figli e parenti vari (nonni, zii, cugini…). Le famiglie possono essere composte da una ventina di persone che risiedono tutte nello stesso posto, con legami sociali molto più stretti rispetto a come si percepiscono in Occidente. All’interno della famiglia esistono regole di convivenza e gerarchie precise che devono essere rispettate da tutti, e che si possono cogliere osservando l’ordine usato per servire il cibo o quello usato nei saluti.

Gli anziani

Gli anziani sono gli individui più importanti della famiglia: vengono interpellati per le decisioni importanti e per i consigli, e questo vale sia per le donne che per gli uomini. In tutte le famiglie senegalesi, sia quelle che vivono in città che quelle che vivono nei villaggi, il peso della tradizione è forte e si ritiene che l’anziano sia colui che permette il perpetrarsi dei valori e dei costumi tradizionali.

Inoltre presso molte popolazioni locali gli anziani si occupano dell’educazione dei bambini e degli adolescenti, trasmettendo alle generazioni più giovani i valori e i costumi della tradizione. La vecchiaia concede privilegi familiari e sociali agli anziani, aumentando il rispetto che gli altri membri della famiglia hanno nei loro confronti. Un anziano non può mai essere contraddetto e i suoi desideri devono essere in qualche modo sempre esauditi.

Poligamia

In Senegal esiste la poligamia, ossia il matrimonio di un uomo e con più donne. Questa unione è riconosciuta dalla legge, che stabilisce un massimo di 4 mogli, anche se nei villaggi può capitare che il numero di spose sia superiore. Questa legge però impone al marito un trattamento egualitario delle consorti da parte del marito, in caso contrario esse possono separarsi e interrompere il matrimonio. Nelle famiglie poligamiche i figli vengono educati e cresciuti dalle diverse mogli, e ciò favorisce la coesione famigliare e l’altruismo dei bambini, che fin da piccoli devono imparare a condividere i beni.

La cura dei figli

In una società come quella senegalese, formata da famiglie allargate, i figli sono considerati una ricchezza, soprattutto per le popolazioni rurali che vivono di agricoltura e di allevamento: avere numerosi figli equivale ad avere più braccia per lavorare.
Nelle famiglie che vivono in città è la donna che si occupa dell’educazione dei figli, mentre l’uomo deve provvedere al mantenimento e ai bisogni famigliari. Nei villaggi invece, oltre alla madre, anche la comunità partecipa all’educazione dei figli, questo modo di prendersi cura dei figli aumenta la coesione sociale e la solidarietà comunitaria.

Il ruolo della donna

Le donne senegalesi godono di un’indipendenza e di un’autonomia non indifferente, esse sono molto intraprendenti e questo dinamismo le rende presenti in tutti i momenti della vita sociale, economica e politica del Paese. Nella famiglia la donna ha un elevato potere decisionale soprattutto per ciò che riguarda l’educazione dei figli, nel commercio ha il monopolio di diversi tipi di merce, nella politica può occupare posti di grande rilevanza, nel sistema finanziario è molto attiva e perspicace grazie all’adozione di sistemi comunitari di finanziamento, come la tontine.
Durante l’epoca coloniale le donne hanno preso parte attiva alla resistenza contro i conquistatori, e anche attraverso l’organizzazione in società segrete hanno saputo respingere i coloni. Alle donne è riconosciuta una particolare affinità con le forze e gli spiriti protettori della comunità, ed è per questo motivo che soprattutto quelle anziane sono molto rispettate, anche per paura che i loro poteri spirituali si ripercuotano negativamente sulla comunità. Fra alcune popolazioni locali vengono stimate per la loro abilità nel preparare rimedi naturali e nella capacità di curare disturbi della persona, soprattutto quelli di tipo psicologico.

La tontine

La tontine è un sistema popolare di risparmio e di credito, che permette di dividere più equamente le risorse della comunità e di aiutare le famiglie in difficoltà. I partecipanti a questo sistema comunitario di finanziamento sono solitamente donne, che costantemente versano una somma predeterminata e a turno beneficiano di questa somma, innescando un sistema ciclico di credito e di beneficio, basato sul risparmio comunitario. La tontine è praticata da molte donne senegalesi, sia da quelle che vivono nelle città, sia da quelle che vivono nei villaggi, e anche da quelle emigrate all’estero.